Fatti strani, inspiegabili, notizie inquietanti, curiose avvenimenti inspiegabili


Giornali esteri in un click

Pubblinet Switzerland ©
CH - 6963 Lugano - Phones: +41919404621 - +41792401881 Fax +41919404626

  - 

Software Pro and Software Free

Il miglior traduttore automatico. Traduce un intero libro in una manciata di secondi
Un traduttore affidabile

Elenco in ordine alfabetico

Software professionale Shareware

Un affare grande... come una casa!

Salva questa pagina

Il tuo sito si vede? Riparazioni computer Lugano Sky in Svizzera

Invia questa pagina


XFiles in Sicilia
Tra la costa di Caronia e le isole Eolie, scienziati e generali incaricati dallo Stato studiano fenomeni inspiegabili che dal 2004 tormentano gli abitanti. Vi mostriamo alcune foto che fanno nascere molti dubbi.

Non chiamateli dischi volanti perché ingegneri, ammiragli e generali, architetti, geologi e fisici da quattro anni a caccia del mistero dell’acqua e del fuoco potrebbero decidere di continuare a tacere. E lasciare il top secret su una blindatissima banca dati con 350 eventi fra avvistamenti, rilievi di campi magnetici, bolle marine dal diametro di un chilometro, distese di melanzane colore arcobaleno e così via fino ad alcune inedite, ancora inspiegabili, foto mozzafiato con oggetti circolari sospesi sull’isola di Vulcano. Tutti strani fenomeni concentrati fra le Eolie e la costa di Caronia, quella segnata dall’angoscia di una piccola comunità di abitanti a partire dal 2004 strabiliati e allarmati davanti a incendi improvvisi, a Tv ed elettrodomestici che si accendevano da soli o prendevano fuoco, come le lampade e i materassi, mentre i cellulari si ricaricavano senza essere collegati a niente e sui display apparivano strambi caratteri.

Nella foto scattata il 2 agosto 2004 da un mezzo militare in  navigazione di fronte all'isola di Vulcano, si possono notare due oggetti volanti che fanno pensare agli Ufo. Lo scatto è stato giudicato dagli esperti non ritoccato in alcun modo


Non chiamateli dischi volanti nemmeno con i carabinieri che hanno dovuto verbalizzare un collega testimone di una accecante “luce” in cielo, o l’altro al quale prese fuoco una scarpa. Vietata la tipica terminologia da ufologi anche con protezione civile, esercito, aeronautica e marina, università e vulcanologi, tutti timorosi di passare per matti e dubbiosi su cause e ipotesi, ma convinti di un solo dato comune: la concentrazione di fenomeni elettromagnetici in un’area ristretta.


Appunto, quella di Canneto, un pugno di case sul mare, cinquanta residenti, una striscia stretta fra la costa e la linea ferroviaria Palermo-Messina, un rettangolo sottoposto ai raggi X di servizi segreti e sentinelle elettroniche. Tutti impegnati a scoprire perché, soprattutto nell’inverno e nella primavera 2004, proprio in questo buco nero, si smagnetizzavano le pen drive, impazzivano le bussole, si aprivano e chiudevano senza impulsi i cancelli automatici e gli allarmi delle automobili, con sensori e rivelatori di fumo attivati anche senza scosse e fiamme, fino all’implosione dei vetri di una utilitaria e al foro su un parabrezza, «colpito dalla punta di un trapano invisibile», come dichiarò il proprietario e portavoce degli abitanti di Canneto, Nino Pezzino.

Anomalie elettromagnetiche ufficialmente spazzate via da una archiviazione della magistratura che nel 2007 ha impresso al caso il bollo di “un fenomeno di natura dolosa e umana”. Come dire che si sarebbe trattato di un piromane. Però, ancora ignoto. Spiegazione inaccettabile per le “vittime”di Canneto, con intere famiglie evacuate per mesi dalle loro case. Spiegazione insufficiente per gli abitanti fra i quali Antonino Spinnato, un agricoltore con la passione delle foto, tanti scatti finiti alla banca dati, certo di aver visto fino a metà agosto strani oggetti volanti fotografati come gli è capitato di fare con quello che seguiva un elicottero della Protezione civile costretto a un atterraggio per avaria alle pale.

Spiegazione precaria anche per chi scansa i termini da ufologo, ma continua a studiare i fenomeni da un osservatorio istituito con decreto della presidenza del Consiglio nel 2005, il cosiddetto “Gruppo interistituzionale” (vedi box a pag. 60). Una task force che ha come quartier generale un ufficio della Regione siciliana in pieno centro a Palermo, ottavo piano di un edificio moderno, le vetrate sulla cupola del Teatro Massimo e una banca dati che ha già interessato pure i servizi segreti perché un primo riservato fascicolo consegnato a Protezione civile e Palazzo Chigi avanza anche l’ipotesi di “test militari segreti o esperimenti alieni”.

Il tutto con mille dubbi legati a documenti mai pubblicati. È il caso di una foto scattata da un mezzo militare nelle acque di Vulcano il 2 agosto del 2004. Una clamorosa immagine che lascia interdetti perché sul profilo dell’isola sembrano sospesi due oggetti che fanno subito pensare ai dischi volanti. Ingrandito il fotogramma e studiato ogni dettaglio dell’istantanea con sofisticate attrezzature, i tecnici dei diversi enti presenti nel Gruppo hanno solo potuto escludere l’ipotesi del fotomontaggio. «Proprio perché sembrano due dischi volanti procediamo con i piedi di piombo in assenza di conclusioni scientificamente definite », commenta a denti stretti il coordinatore del Gruppo, Francesco Venerando, quando scopre che la foto è comunque arrivata al Corriere della Sera Magazine superando dopo quattro anni la barriera del top secret.

Nei documenti ufficiali si continua a parlare di “due Ovni”, termine che sta per “oggetti volanti non identificati”. Ma si aggiunge che quello stesso 2 agosto del 2004 un Ovni di forma analoga fu osservato nel cielo di Trapani, mentre il 29 luglio, appena quattro giorni prima, un altro dello stesso tipo era stato avvistato su Rometta Marea, a pochi chilometri da Caronia. Informazioni queste ultime arrivate dal Centro ufologico nazionale. Dati incamerati da Venerando con cautela: «Il Gruppo nasce per fare luce sui fenomeni, non per catalogare l’avvistamento di “Ovni”. Ma abbiamo dovuto applicarci anche a questo. E per ogni segnalazione abbiamo ovviamente cercato di controllare le registrazioni radar...», ammette Venerando, anche lui sorpreso perché gli “oggetti” non lasciano tracce. Bisogna però fare i conti con la magistratura che parla di ignoti “piromani” o con l’analogo parere di Enzo Boschi, il presidente dell’Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia: «Penso che dietro ci sia un bel dolo...».

Non tutti comunque conoscono i contenuti di una banca dati con foto celate da vistosi “Riservato”. Come è accaduto per gran parte degli oltre trecento eventi. Tutti elencati su paginate elettroniche a colori. Pagine in viola per malesseri e morie di animali, a decine. In azzurro, gli avvistamenti di “Ovni”, più di 100. In giallo, gli incendi, 40. In verde, fenomeni di origine elettronica e elettromagnetica, 100. Non a caso una relazione tecnica fresca di stampa elenca «numerose testimonianze di avvistamenti diurni e notturni di Ovni, di improvvisi bagliori e scie, di forti luminescenze nello specchio di mare compreso tra le Eolie, in particolare le Isole Alicudi, Filicudi e la costa di Caronia, che iniziano nel 2004 e si ripetono abbastanza spesso, fino a oggi...».

Cauto, Venerando si limita a parlare di “una origine artificiale dei fenomeni”, di “emissioni elettromagnetiche impulsive” capaci di generare “una grande potenza concentrata in frazioni di tempo estremamente ridotte”. E quale sorgente potrebbe mai assicurare sto po’ po’ di roba? Sulla “fonte” o sul “soggetto” allarga le braccia: «Potrebbe anche trattarsi di applicazioni sperimentali di tecnologie industriali, non escludendo quelle finalizzate a recenti sistemi d’arma a energia elettromagnetica... ». Un modo forse per lasciar trapelare la possibilità di esperimenti da parte di una potenza militare. Ignota comunque la posizione della “fonte”. Forse, il mare. Forse, sott’acqua. Mistero profondo. Per questo si decise di installare una rete di telecamere e termocamere a infrarossi tutt’intorno a Canneto e diversi sensori sulla costa e sulle isole Eolie nel tentativo di dare la caccia non solo all’eventuale piromane mai trovato, ma a quello che nei rapporti riservati viene definito “l’impulso sorgente proveniente dal mare”.

Telecamere e sensori sono stati collegati per tre anni in tempo reale con i computer del “Gruppo” da una sala regia collocata sull’attico più vicino al mare, l’appartamento di una delle “vittime” di Cannetto, Antonio Caico, un signore stanco che però ha mollato e venduto la proprietà. Per continuare l’attività sarebbe bastato spostare le attrezzature costate 150 mila euro in un prefabbricato sul mare, come chiese Venerando. E invece stop, tutti “accecati”. Con le apparecchiature adesso ammassate in un magazzino del Comune di Caronia. Come rivela Venerando, irritato dall’interruzione del monitoraggio: «Non possiamo più controllare l’area, come facevamo a qualsiasi ora, via Intranet». Il tutto a costo zero, assicura, perché ogni componente del Gruppo opera senza rimborsi, senza budget, come dipendenti degli enti rappresentati. «Il sistema consentiva di rilevare molteplici dati attorno ai fenomeni », si rammarica Venerando. «Volevamo installare altri sensori anche alle spalle di Caronia, sulle vallate interne, a Lipari e Salina, per creare una rete capace di individuare il “punto sorgente”». Sarebbe stata così interrotta un’esperienza unica in Italia, «in un’area geografica oggettivamente sensibile», stando a Venerando che parla di «un’attività d’interpretazione scientifica coniugata con gli studi e le recenti esperienze della ricerca cosiddetta “di confine” ». E dire che sulle telecamere abbandonate in magazzino, sulla necessità di ripristinare il monitoraggio c’è pure un’interpellanza bipartisan in Senato presentata l’anno scorso da 17 parlamentari.

Felice Cavallaro
08 settembre 2008 (ultima modifica: 09 settembre 2008)

Fatti strani, inspiegabili, notizie inquietanti, curiose avvenimenti inspiegabili


SICILIA, CARONIA

Dopo gli incendi arrivano le perdite d'acqua, nuovo mistero a Caronia

Torna il mistero a Caronia, piccolo centro del messinese già teatro, tra la fine di gennaio e i primi giorni di febbraio,di una serie di incendi (nella foto), che scoppiavano senza ragioni apparenti.

In alcune abitazioni di Canneto, frazione del paese di 150 mila anime, schiacciato tra la montagna e il mare a metà strada tra Palermo e Messina, da qualche giorno l'acqua fuoriesce misteriosamente dai flessibili che collegano i tubi ai rubinetti. Le case sono le stesse di allora, quelle allineate lungo la ferrovia.

Nel piccolo centro siciliano torneranno gli esperti, per esaminare questo nuovo fenomeno e intanto i pezzi idraulici dai quali si sono prodotte le perdite sono stati sequestrati dai carabinieri.

Oggi è l'acqua che sgorga da fori prodottisi nei tubi, prima le fiamme che bruciavano senza motivo, ma il mistero è lo stesso e soprattutto produce paura e inquietudine tra gli abitanti, già costretti allora ad abbandonare le abitazioni e provati da mesi di ipotesi, dubbi e domande senza risposta.

Tra la fine di gennaio e i primi giorni di febbraio incendi misteriosi si produssero in una dozzina di appartamenti, dove prima gli scaldabagni, poi i contatori dell'Enel andavano a fuoco inspiegabilmente. I fenomeni proseguirono anche dopo l'interruzione dell'erogazione da parte del gestore, interessando anche altri elettrodomestici, nonostante fossero scollegati dalla rete. Persino alcuni letti con la rete metallica presero fuoco.

Fenomeni inspiegabili. Il sindaco di Caronia, Pedro Spinnato, chiese l'intervento di tecnici ed esperti, che cercarono di mettere in relazione gli eventi tra loro, per capire se vi fosse una causa legata alla dispersione di corrente nel terreno. Le case furono sgomberate e il 10 febbraio si tenne un consiglio comunale straordinario. «Se si scoprirà che si tratta di una causa naturale - dichiarò il sindaco - come attività elettromagnetica nel sottosuolo o altro , allora chiederemo lo stato di calamità».

Ma intanto si affacciarono ipotesi assai più suggestive, e addirittura fu invocato l'intervento del demonio. A non escludere che il paese fosse in mano al maligno fu in quei giorni padre Amorth, presidente onorario dell'Associazione nazionale degli esorcisti, che ipotizzo: «Accade quello che normalmente accade quando il demonio entra nella vita di chi gli permette di entrare».

Nessuna prova a favore di un'ipotesi dolosa degli incendi fu rilevata dagli esperti del Ris . Escluse parallelamente interferenze dalla ferrovia o dai ripetitori telefonici.


Strepitosa opportunità di guadagno. Clicca qui!
Traduttori affidabili
Translation 10.0 Plus mantiene davvero le promesse. Tradurre non è mai stato così facile, intuitivo e comodo!
www.italysoft.com/accent/
Le tue antiche origini
Ogni famiglia un cognome, ogni cognome una storia. Araldis: perché la tua storia continui! Alla ricerca dei tuoi antichi parenti. Sito premiato da AOL
www.pubblinet.com/cognomi.htm
Fioristi italiani associati
Con pochi semplici click di mouse, da casa vostra, potete scegliere e inviare fiori in tutto il mondo. Un ottimo servizio, rapido e preciso.
www.pubblinet.com/fioristi/
Traduzione automatica
La traduzione automatica adesso è indispensabile. Hai idea di quanti clienti stai perdendo perchè il tuo sito non parla la loro lingua?
www.new-dimension-software.com

Fatti strani e inquietanti

Stranezze in Sicilia
Area 51: ma che sarà mai?
Alieni in Messico
Autopsia di due alieni
Il triangolo delle Bermuda
Bill Gates Il suo impero
Abramo Lincoln:
vite parallele
L'incidente di Roswell
Franz Block Foto del diavolo
Lincoln - Kennedi Destini Clonati
Esoterismo e Numerologia
La notte di Halloween
IL TUO BEL NUMERO IP

 

Riparazioni Computer Lugano

Ma perchè non ho chiamato subito
SOS Computer???

Software su misura per tutti


Si, software gratuito,
ma garantito!

.

SERVIZI UTILI GRATUITI PER TUTTI

Quotidiani e giornali italiani
Quotidiani e giornali esteri
Elenchi telefonici italiani ed europei
Pagine gialle italiane
Previsioni Meteo in Europa New
Controlli radar in Europa
Annunci gratuiti Cerca e Trova
Google e i motori di ricerca
ICANN e le Extensions riconosciute
Tutti i comuni italiani  - Geneaologia
Corsi delle valute e le Borse
I cognomi italiani - Le storie
Pubblinet Linea Traduzione automatica
Curiosità del mondo
Tutto il passato di Internet Archivio
Alcune opportunità di lavoro online
Test della connessione ad internet
.

ECCO I VERI AFFARI ONLINE

AA Auto occasioni veri affari in Ticino

AA Computer e occasioni varie in Ticino
A Citroen Fuoristrada Mehari affare

.

COSE DA LEGGERE

L'America chi è | Terrorismo... perchè?
Considerazioni di attualità
.

INTRATTENIMENTO

Alcuni Video divertenti
Il link nascosto | Il rumore  misterioso
Cronaca umoristica, curiosità
Foto curiose | Barzellette ed umorismo
INPS Calcolo della pensione
Vero o Falso | Notizie più curiose
.

UN PO' DI SCIENZA

Einstein: teoria della relatività
La teoria delle stringhe New
La fine del tempo Una nuova teoria
La trasformazione di Lorentz
L'indeterminazione di Heisenberg
Perchè il vetro è trasparente
Perché la notte é buia?
.

VARIE

Collabora con noiwww.pubblinet.com
Invia questa pagina ad un amico!
Se ti è piaciuto l'articolo clicca il pulsante

Tutti i giornali italiani

Tutti i giornali stranieri

Meteo

Un gioiello tecnologico

Servizi utili gratuiti

Sport & Attualità

Svago

  Scienza e curiosità

Elenchi telefonici gratuiti
Il problema della droga: che fare
Motori di ricerca: istruzioni per l'uso
Previsioni Meteo in tempo reale

Utilità online: calcolo del codice fiscale
Tutti i controlli radar in Europa New
Come trovare ciò che cerchi
Annunci gratuiti: cerca e trova
Habemus Papam, Francesco I
Il Caimano raduna i suoi accoliti
I padroni del mondo
Un mistero dentro il mistero
Berlusconi congiuntivite e la Bocassino
NON DIMENTICHIAMOLI!   
Papa, Vatileaks e Conclave top secret
Uno strano senso della giustizia
Attualità: Berlusconi and Company
Sport: Ultime notizie sportive

Musica MP3 e videos Giorgio Gaber
Foto curiose e umorismo

Barzellette e umorismo
Il rumore misterioso
Test di psicologia per la donna
Test di psicologia per l'uomo
Numerologia e parapsicologia
Curiosità e umorismo
Grandi campioni del calcio

 

Albert Einstein: teoria della relatività
Max Planck: l'indeterminazione
Elettromagnetismo: Cos'è la luce
Medicina e salute: pressione Arteriosa
Sismologia: monitoraggio continuo
Il cervello umano: questo mistero
Perchè il vetro è trasparente?
Perchè il cielo è blu?
Area 51: ma che sarà mai?Un ottimo traduttore multilingue

  © Pubblinet Switzerland partner of New Dimension Software 1994 - 2013 - All Rights Reserved | S1 - S2

Invia questa pagina ad un amico