Click and translate!
Problemi linguistici? Questo software te li risolve tutti! Provalo


The Best Place to Buy Professional Software
Via G. Ferri, 24 - 6900 Lugano - Svizzera - Phones +41919404621 - Fax +41919404626

Traduzioni automatiche
Trial Software Discover Your Self A Nice Gift Last News Top Models Phone Directories Newspapers Web Promotion
QUANTI CLIENTI STAI PERDENDO PERCHE IL TUO SITO NON PARLA LA LORO LINGUA. FAI CLICK ED AVRAI LA SOLUZIONE
Stai cercando un buon
traduttore automatico? Fai click
Stai cercando informazioni
sui tuoi parenti? Fai click
Stai cercando un regalo
per la persona amata? Fai click
Stai cercando informazioni
su qualcuno? Fai click

WWW BOARD - MESSAGGERIA ONLINE

Questi contenuti sono immessi direttamente dagli utenti / visitatori del sito, i quali se ne assumono piena responsabilità:  www.new-dimension-software.com acconsente alla loro pubblicazione, declinando qualsiasi responsabilità in merito. Si prega di essere corretti e di rispettare l'opinione altrui, anche se la stessa non è condivisa. Non sono tollerati ne insulti, ne terminologia scurrile od oscena. Grazie per l'osservanza di queste semplici regole.


IL PROBLEMA DROGA  - PREVENZIONE: CHE FARE

Uno dei bisogni primari dell'uomo è quello della comunità, del vivere nella comunità.

Spesso nei rapporti interpersonali nascono tensioni e problemi. All'interno delle varie cellule e dei vari organismi che raggruppano gli uomini e i giovani all'interno della società esistono varie dinamiche che interagiscono:

FAMIGLIA
SCUOLA
COMPAGNIA

Sono i gruppi che determinano fin dalla più tenera età l'andamento degli 'affari' affettivi del ragazzo. E' sufficiente che una di queste tre componenti entri in crisi perché anche le altre ne vengano colpite per effetto catena.
 
FAMIGLIA
L'essere incompreso o escluso, rifiutato o troppo desiderato nell'ambito familiare crea nel ragazzo un senso di vuoto, di angoscia esistenziale, di inutilità che lo porta ad un odio verso i familiari e verso la vita stessa. Una componente di questo sentimento è però diretta contro di sé.

AUTODISTRUZIONE
La famiglia è, senza dubbio, la cellula più importante delle tre indicate. Il ragazzo costituisce l'anello più debole della catena famiglia: su di lui si scaricano tensioni e problemi da cui spesso non riesce e non può difendersi. Il più delle volte la violenza introiettata, non trovando valvole di sfogo all'interno di rapporti complessi di amore-odio di tipo familiare si trasforma in autodistruzione.
 
SCUOLA
Anche la scuola spesso emargina e contribuisce a rendere insicuro il ragazzo. Tanto più il ragazzo sembra disinteressarsi del suo andamento scolastico, tanto più cova dentro di sé l'odio per l'istituzione, per i compagni meglio inseriti e di conseguenza verso se stesso artefice-vittima della situazione malata.
 
COMPAGNIA
Importante è anche l'effetto della compagnia (amici, compagni d'oratorio o di sport o di piazza): spesso nella compagnia si ricreano tensioni che di nuovo si scaricano sull'anello debole della catena: un difetto fisico o di carattere è sufficiente a sancire l'emarginazione di un ragazzo. Nasce di nuovo il sentimento odio-autodistruzione e il riconoscersi nel gruppo degli emerginati ne è la conseguenza necessaria. Dalla situazione malata nasce il bisogno dell'evasione.
 
TERRORISMO (la violenza introiettata viene scaricata contro la società)

L'ideologia del terrorista vede nel sistema la causa del male che lo assilla. Il terrorista colpisce un anello dela catena dirigente del sistema (transfert), credendo di colpire il "cuore" di quella che è invece la sua angoscia esistenziale e la sua solitudine armata.

Cosa fare dunque per prevenire queste forme di devianza quando la realtà a volte insostenibile porta il giovane ad un bisogno di evasione?

PREVENZIONE: CHE FARE RISPETTO AL PROBLEMA DROGA

Sono innanzitutto importanti una propaganda ed una informazione capillari che permettano una conoscenza approfondita dei rischi e dei pericoli connessi all'uso della droga.

E' anche vero però che questo non basta e che a volte con effetto boomerang si può trasformare in un incentivo proprio per quelle persone che desiderano provare esperienze che annullino la loro personalità riconoscendosi nel mondo degli emarginati e dei perdenti. E' allora fondamentale l'iniziativa di prevenzione che, oltre ad informare, intervenga in modo attivo creando ambienti e gruppi solidali nei quali il ragazzo trovi una risposta al bisogno di amore ed amicizia che l'ambiente in cui vive non riesce a soddisfare. Bisogna saper portare amore e speranza, essere modelli credibili, alternativi, ricuperando l'individuo alla voglia di vivere e dirottandolo dalla strada dell'autodistruzione. Un intervento positivo, uno sfogo per le sue tensioni. 

CENTRI CREATIVI

Così definirei gli spazi all'interno dei quali guidati da animatori o autogestendosi i ragazzi possano esprimersi, sfogare nella musica, nel teatro, nell'arte insomma quelle tensioni di cui parlavamo prima. Questi spazi possono essere creati all'interno delle scuole o dei centri sociali e potrebbero avere una funzione molto importante nella terapia delle nevrosi di tipo familiare. 

1) Studio di strumenti musicali
2) Guida all'apprendimento di tecniche espressive
3) Teatro
4) Cinema
5) Fotografia
6) Poesia
7) Narrativa
8) Video
9) Pittura
10) Scultura

Prevenire vuol dire quindi creare un ambiente di lavoro: un ambiente sano, sereno, non competitivo, creativo. Il ragazzo può, all'interno di questo ambiente, acquisire una tecnica espressiva che, assimilata, lo accompagnerà nelle ore libere nel gruppo e da solo.

Prevenire significa quindi creare un ambiente dove chi ha più bisogno trovi una risposta ai suoi bisogni affettivi, una risposta positiva e soddisfacente che anticipi altri tipi di risposte ben peggiori. Non si è accennato qui allo sport: questo è un fenomeno già sviluppato e positivo,anche se spesso si tratta di un ambiente dove la competizione è smisurata e l'emarginazione si ricrea qualora i risultati non siano soddisfacenti.

Spero che queste poche righe possano costituire un contributo seppur minimo alla soluzione di questo grave problema ; soprattutto spero che coloro che hanno il compito di compiere le scelte decisive rispetto alla prevenzione e all'educazione in questo campo, ottengano l'attenzione e i mezzi dovuti per poter intervenire in modo adeguato all'importanza del fenomeno qui preso in esame.


La guerra in Iraq  Di Sara Nespoli Se vuoi dire la tua opinione clicca qui
Argomento 2: Le canne. Che ne pensi? Se vuoi dire la tua opinione clicca qui
   

INDICE


Warning: require() [function.require]: http:// wrapper is disabled in the server configuration by allow_url_include=0 in /home/75/17/1041775/web/WWWboard/index.php on line 205

Warning: require(http://www.pubblinet.com/asnf/indice.htm) [function.require]: failed to open stream: no suitable wrapper could be found in /home/75/17/1041775/web/WWWboard/index.php on line 205

Fatal error: require() [function.require]: Failed opening required 'http://www.pubblinet.com/asnf/indice.htm' (include_path='.:/usr/share/php:/usr/share/pear') in /home/75/17/1041775/web/WWWboard/index.php on line 205